Silicato di calcio domande frequenti

Lastra in silicato di calcio per edilizia bioedilizia
Lastre in silicato di calcio
Applicazione lastre in calcio silicato
Applicazione lastre in calcio silicato

Pareti fredde, dispersione termica, elevati consumi energetici, umidità, muffa . . .

Con il silicato di calcio è possibile risolvere questi problemi !



Che cos’è il silicato di calcio ?

Il silicato di calcio o calcio silicato è un materiale isolante, incombustibile ecologico, e biologicamente inerte che non contiene amianto o fibre pericolose per l’uomo, viene ottenuto in autoclave dalla miscelazione di sabbia non quarzosa, calce e cellulosa, da questo processo si ottengo dei blocchi leggeri e resistenti, una lastra di 50x50 cm di spessore 2,5 cm pesa solo 1,50 kg.


Come si forma la condensa ?

L’aria è un miscuglio di gas e vapori al cui interno è contenuto anche il vapore acqueo in misura maggiore o minore in funzione delle temperatura.

A 20°C l’aria contiene circa 17 gr di acqua al metro cubo Umidità Relativa 100%
mentre a 5°C  l’aria contiene 7 gr di acqua al metro cubo Umidità Relativa 100%

Se una massa di aria a 20°C con UR del 60% (10,2 gr di H2O al m3) si raffredda fino a 5°C  (7 gr di H2O al m3) si ha una perdita di una parte del vapore acqueo in essa contenuto (7 - 10,2 = -3,2) che si condensa sulle pareti fredde sotto forma di minutissime goccioline (punto di rugiada).


Come si forma il vapore acqueo in una abitazione ?

All’interno delle abitazioni si forma una notevole quantità di vapore acqueo per la presenza delle persone che ci vivono (ogni persona produce con la respirazione circa un litro di acqua al giorno) e delle attività che svolgono (cottura dei cibi, docce, asciugatura dei panni, ecc).


Come si forma la muffa ?

E’ sufficiente che in un ambiente vi sia un UR dell’80% a consentire che si formino sulle pareti fredde delle colorazioni scure che comunemente chiamiamo muffe.
La muffa non rappresenta solo un danno di tipo estetico a intonaci, tappezzerie e arredi, ma è indice di un ambiente malsano per la salute dell’uomo, i batteri della muffa, infatti, possono causare irritazioni, allergie ed asma.


Come si elimina la muffa ?

Per risanare un ambiente umido è necessario rimuovere la cause della condensazione del vapore operando su due fattori: la temperatura delle pareti, che va aumentata attraverso un adeguato isolamento termico (cappotto interno o esterno) e l’umidità relativa che va ridotta attraverso una adeguata ventilazione.


Perché sul silicato di calcio non si forma la muffa ?

Grazie ad un elevata alcalinità, pH di 10,5 circa, il silicato di calcio può considerarsi un antimuffa naturale, sulla sua superficie non possono proliferare muffe o batteri.


Quali sono i vantaggi nell’uso del silicato di calcio ?

Realizzazione di cappotti traspiranti interni con eliminazione totale, in soli 3,0 cm, di tutti i ponti termici consentendo un notevole risparmio energetico.

Il risanamento di locali umidi e l'eliminazione delle muffe grazie alla sua struttura porosa (90% del volume) il silicato di calcio è in grado di regolare l'umidità assorbendo l'acqua in eccesso, per poi cederla quando in difetto.
Questa caratteristica oltre ad aumentare la sensazione di confort dell'ambiente permette di ridurre la ventilazione per eliminare i picchi di umidità (bagni, cucine, ecc).

La protezione passiva al fuoco, Il silicato di calcio è un materiale incombustibile certificato in Euroclasse A1 ex Classe 0 che resiste ad altissime temperature, oltre 1000 °C


Se il silicato di calcio assorbe l'acqua, questo non ne riduce il potere isolante ?

No, le caratteristiche di isolamento del materiale non subiscono alterazioni significative.


Con il tempo il silicato di calcio perde le sue cartteristiche o si degrada ?

No, le caratteristiche del materiale rimangono inalterate nel tempo. L'aspettativa di vita del silicato di calcio è paragonabile a quelle di altri materiali per edilizia, maggiore di 50 anni.


Quanta acqua può assorbire una lastra in silicato di calcio, di quanto aumenta il suo peso ?

Verifichiamolo, prima con un calcolo e poi con una prova.

Caratteristiche della lastre di prova:
Densità 290 kg/m3
Dimensioni 135x135mm
spessore 40,0mm
Area 0,018225 m2
Volume 0,0000729 m3

Dal calcolo si ricava che il peso è 0,21 kg

Pesiamo la lastra utilizzando una bilancia elettronica, il peso rilevato è di 212 grammi, tale dato conferma la giustezza del calcolo precedente.

Pesatura prima dell'immersione in acqua


Immergiamo, ora, la nostra lastra in acqua fredda per 10' minuti e/o comunque finche non affonda.

Immersione della lastra in acqua fredda


Ripetiamo la pesatura della lastra bagnata, il peso rilevato ora è di 849 grammi.

Pesatura dopo l'immersione in acqua

Pertanto:
849 - 212 = 637 grammi
637 / 3 = 212,3 grammi

Possiamo quindi affermare che la nostra lastra in silicato di calcio assorbe ben 637 grammi di acqua cioè tre volte il suo peso.

Nota
Dopo alcuni giorni l'acqua assorbita viene ceduta all'ambiente ed il peso della lastra torna alla condizione inziale.


Come si prevengono fenomeni di condensazione (umidità) interstiziale ?

Il silicato di calcio è in grado di assorbire l'umidità in eccesso per igroscopicità, e di ripartirla sull'intera superficie della parete, tale umidità viene poi ceduta all'aria quando l'UR diminuisce.
Questo comportamento ostacola la formazione di fenomeni di condensazione sia superficiale che interstiziale.


Dove può essere usato il silicato di calcio ?

Si può applicare direttamente su pareti, (sia intonacate che grezze) tetti, solai e solette (prima della realizzazione del pavimento e/o dell’impianto radiante a pavimento, in questo caso i pannelli in silicato di calcio contribuiscono anche a realizzarne l’isolamento).


Esiste una differenza tra le lastre agli idrati di silicato di calcio e le lastre in silicato di calcio ?

Si, le lastre agli idrati di silicato di calcio sono lastre isolanti che appartengono al gruppo dei calcestruzzi leggeri.
Sono composte principalmente da: Idrato di calce, cemento, sabbia ed altri componenti.

Le lastre in silicato di calcio sono lastre isolanti ed igroregolatrici adatte a realizzare cappotti traspiranti interni, hanno un pH di 10.5 che impedisce la formazione di muffa.
Sono composte da: Sabbia non quarzosa, calce e cellulosa.


Come si applicano i pannelli in silicato di calcio ?

Le lastre in silicato di calcio si applicano in aderenza su tutti i tipi di muratura, senza la necessità di strutture di supporto, utilizzando un apposito collante/rasante traspirante.

Applicazioni su pareti in mattoni grezzi:

Bagnare abbondantemente le lastre in silicato di calcio prima dell'applicazione.

Procedere alla preparazione della parete in mattoni come per l'applicazione dell'intonaco, applicare il collante/rasante, con una spatola dentata, direttamente sulla parete da rivestire, fare aderire il pannello bagnato alla parete.

Al completamento della parete, con questa ancora bagnata si procede alla rasatura, se richiesto è possibile utilizzare reti di armatura in fibra di vetro.


Applicazione su pareti in mattoni grezzi

Applicazione su pareti in mattoni grezzi.


Applicazioni su pareti intonacate:

Bagnare abbondantemente le lastre in silicato di calcio prima dell'applicazione.

Picchettare la parete per migliorare l’aderenza, applicare il collante/rasante, con una spatola dentata, direttamente sulla parete da rivestire, fare aderire il pannello bagnato alla parete.

Al completamento della parete, con questa ancora bagnata si procede alla rasatura, se richiesto è possibile utilizzare reti di armatura in fibra di vetro.


Applicazione su pareti intonacate

Applicazione su pareti intonacate.



Come faccio a calcolare quanto collante/rasante mi serve per l'applicazione delle lastre in silicato di calcio ?

Volendo realizzare uno spessore di collante/rasante di 2.5mm per l'incollaggio della lastra alla parete e di 2,5mm per la rasatura finale, sono necessari circa 2.0 kg di materiale per metro quadrato.

Una valutazione realistica va comunque fatta in relazione alla superficie su cui si applicano le lastre, se queste vengono posate su di una parete intonacata (previa picchettatura e/o rimozione di pitture pesanti e/o non traspiranti) la quantità di materiale necessaria per l'applicazione e successiva rasatura può considerarsi quella sopra indicata.

Se le superfici su cui si applicano le lastre sono grezze, mal rifinite, incoerenti, ecc. bisogna prendere in considerazione di realizzare uno spessore maggiore di materiale per l'incollaggio, mentre per la rasatura finale, anche applicando una rete, è sufficiente realizzare uno spessore di 2,5mm circa.

Un sacco di collante/rasante contiene 25 kg di prodotto.


E' possibile rifinire la parete con delle malte fini o intonaco al civile ?

Si, la stabilitura (intonachino) può essere effettuata applicando dei prodotti traspiranti a base di grassello di calce.


Quali strumenti servono per tagliare le lastre in silicato di calcio ?

I pannelli asciutti possono essere tagliati facilmente utilizzando una normale sega a denti larghi.


Su una parete rivestita con lastre in silicato di calcio si possono applicare le piastrelle ?

Si, sulla parete finita (intonacata con il collante/rasante) si procede applicando l'adesivo per piastrelle e le piastrelle come su una normale parete.

Per effettuare, invece, la posa direttamente sulle lastre in silicato di calcio (parete non intonacata con il collante/rasante) è necessario bagnarle abbondantemente per evitare che possano assorbire troppo velocemnete l'acqua contenuta nell'adesivo compromettendo l'adesione delle piastrelle.



© 2007 - 2014 isolstyle
Made in Italy - Made in Europe